Passa alla homepage

5 aprile 2017

Cucina

Il Consorzio di tutela del Caffè Espresso italiano Tradizionale al G7 della Cultura di Firenze

consorzio-tutela-caffe-espresso-tradizionale-firenze-g7-della-cultura

In concomitanza con il G7 della Cultura, il 30 e 31 marzo 2017 il complesso della SS. Annunziata di Firenze ha ospitato il Forum della Partecipazione, curato dal Consiglio Internazionale dei Monumenti e Siti (ICOMOS).

Forum della Partecipazione per il G7 della cultura di Firenze

ICOMOS: ruolo, storia e funzioni

L’ICOMOS è un organismo di eccellenza non governativo mondiale, che si occupa di consulenza professionale e scientifica alla Commissione UNESCO per tutti gli aspetti che riguardano il patrimonio culturale e la sua conservazione. Tra le sue funzioni principali c’è la valutazione delle nomine della World Heritage List, la Lista del Patrimonio Mondiale Materiale e Immateriale di UNESCO.

L’organo consultivo è stato nominato nel 1972, insieme all’ICCROM (Centro Internazionale di Studi per la Conservazione e il Restauro dei Beni Culturali) e all’UICN (Unione Internazionale per la Conservazione della Natura).

L’interno del Complesso della SS. Annunziata durante il convegno

Il Forum della Partecipazione per il G7 della Cultura di Firenze

Patrimonio e Sostenibilità negli SDGs – Sustainable Development Goals 2030

Il tema del convegno, che si è tenuto nel complesso della SS. Annunziata, è stato “Il cambio del paradigma”, in relazione all’obiettivo di sostenibilità perseguito dalle Nazioni Unite, per il quale il Patrimonio è una delle priorità strategiche internazionali.

La missione di ICOMOS per gli anni a venire è un superamento dell’approccio monumentale al Patrimonio, “affermando la centralità dei popoli che l’hanno realizzato e il loro ruolo nella gestione della partecipazione”.

Al forum hanno partecipato oltre 120 esperti nazionali e internazionali, introdotti da Fabrizio Guarducci (Presidente dell’Istituto Internazionale Lorenzo de Medici) e Maurizio Di Stefano (Presidente Emerito di ICOMOS Italia).

Particolare valore è stato dato in questa sede alle eccellenze alimentari, attraverso due tavole rotonde dedicate: Tracciabilità e riconoscibilità culturale del cibo per la protezione dei paesaggi Le candidature nell’alimentare per rafforzare filiere del sistema paese, a cui ha partecipato il Consorzio di Tutela del Caffè Espresso Italiano Tradizionale.

Da sinistra: Luigi Morello (Gruppo Cimbali-Faema; Direttore del MUMAC; Presidente del Comitato Scientifico del Consorzio), Sergio Goppion (Goppion Caffè; Vice-Presidente del Consorzio), Luca Fabbri (ICOMOS), Giorgio Caballini di Sassoferrato (Presidente del Consorzio), Paola Goppion (Goppion Caffè) e Luigi Odello (Presidente del Centro Studi Assaggiatori e Segretario Generale INEI)

Il Consorzio e Dersut Caffè al Forum

Come molti di voi già sapranno (ma se così non fosse vi invitiamo a leggere l’articolo dedicato), dal 2014 il Consorzio di tutela del Caffè Espresso italiano Tradizionale si occupa di promuovere e sostenere la candidatura dell’espresso italiano tradizionale all’iscrizione nella lista del Patrimonio Immateriale UNESCO.

Il Consorzio è stato Partner Principale del meeting, attraverso l’esposizione di macchine da caffè d’epoca (avete già visto quelle in esposizione nel Museo del Caffè Dersut?) e libere degustazioni. Tutti i prodotti sono stati offerti da torrefazioni d’eccellenza italiane, parte del Consorzio stesso.

Nel corso della tavola rotonda è intervenuto il conte Giorgio Caballini di Sassoferrato, Presidente del Consorzio e di Dersut Caffè, tra i soci fondatori dell’ente.

Oltre a credere fortemente nella candidatura del caffè espresso italiano tradizionale a Patrimonio immateriale dell’UNESCO, l’azienda da sempre invita e forma i suoi clienti per mantenerne il valore grazie a miscele e preparazioni d’eccellenza.

Stiamo lavorando per tutti i bar d’Italia e del mondo intero affinché il caffè espresso italiano tradizionale venga riconosciuto quale Patrimonio Immateriale dall’UNESCO. Questo significa anche lavorare a favore di tutti gli esercizi pubblici, italiani e stranieri, che scelgono di offrire alla propria clientela questo prodotto.
Vogliamo tutelare la primogenitura e le modalità di erogazione del caffè espresso, una bevanda che tutto il mondo ci invidia.

Giorgio Caballini di Sassoferrato

Di seguito un estratto dell’intervista a cura di TGR Toscana a Pietro Laureano (Presidente ICOMOS Italia) e a Giorgio Caballini di Sassoferrato, seguito da alcune fotografie del convegno:

 

Ilaria Danesi (Caffè Danesi, tra i soci fondatori del Consorzio), Luigi Odello e Giorgio Caballini di Sassoferrato In foto: alcuni membri di ICOMOS, Paola Goppion, Sergio Goppion, Ilaria Danesi e Barbara Chiassai (Essse Caffè, tra i soci fondatori del Consorzio)

Foto di testata © Roland Geider