Passa alla homepage
Dersut cambia sede! Tutti gli ordini effettuati dal 17 al 27 maggio verranno evasi a partire dal 28 maggio.
Dersut cambia sede! Tutti gli ordini effettuati dal 17 al 27 maggio verranno evasi a partire dal 28 maggio.
Dersut cambia sede! Tutti gli ordini effettuati dal 17 al 27 maggio verranno evasi a partire dal 28 maggio.
Dersut cambia sede! Tutti gli ordini effettuati dal 17 al 27 maggio verranno evasi a partire dal 28 maggio.

14 novembre 2017

Caffe

Tè col limone - sì o no?

breakfast-2590895_1920

Bere il tè col limone è un’abitudine tutta italiana – un errore per i veri intenditori – che ha poco a che vedere con la tradizione tipicamente inglese di consumare il tè.

Anche se avete scoperto da qualche tempo il vasto mondo del tè e ne sapete una più del diavolo, scommetto che almeno una volta nella vita avete annegato anche voi una fettina di limone nella vostra tazza calda e fumante… non dite di no!

Il tè col limone: perché no

In realtà pare che l’aggiunta del limone nel tè comporti una radicale alterazione del gusto originale della bevanda, per cui sarebbe un’abitudine da evitare se si vogliono apprezzare appieno le qualità dell’infuso che stiamo per sorseggiare.

De gustibus non disputandum est, questo è vero. Ma per gustare fino in fondo il tè – soprattutto nelle sue varietà più pregiate – l’infuso andrebbe consumato e degustato senza aggiungere nulla: né limone, né zucchero, né latte (come da tradizione anglosassone).

Anzi. Forse un goccio di latte potrebbe essere ammesso per rendere più rotondo il sapore di un tè forte, come ad esempio un black tea come il Tè Orange Pekoe di Dersut (disponibile nello shop online). Ma di certo niente – e dico niente – va versato nei tè verdi, nei tè bianchi o in quelli delicatamente aromatici con sentori floreali.

bere il the con il limone

Tè col limone: perché sì

Per quanto il limone possa condizionare il sapore del tè, è vero anche che a livello nutrizionale pare contribuisca, unitamente a un po’ di zucchero, a una migliore assimilazione delle sostanze antiossidanti contenute nell’infuso. Ciò vale soprattutto per il tè verde, davvero ricco di catechine.

Cosa possiamo fare, quindi, per usufruire dei benefici del tè senza alterarne troppo il sapore? Un rimedio poco “invasivo“, ma efficace per la salute allo stesso modo del succo di limone, potrebbe essere quello di aggiungere una fettina di arancia alla nostra bevanda fumante: avremmo la vitamina C per assorbire i nutrienti e un sapore decisamente più delicato.

the al limone

E voi, come preferite prendere il tè: puro o con l’aggiunta di limone?